Infezione virale e immunodepressione nell'eziologia dei tumori cutanei

Viral infection and immunodepression in the etiology of skin tumor

OBIETTIVI GENERALI E SINTESI PROGETTO

I soggetti immunodepressi, soprattutto trapiantati d’organo (OTR), costituiscono un gruppo di pazienti in forte espansione numerica che sviluppano un'elevata incidenza di tumori. Molti di questi tumori sono associati alla riattivazione di virus il cui potenziale oncogeno è soppresso dalla risposta immunitaria nel soggetto normocompetente.

Tra i tumori che si sviluppano in questi pazienti che non hanno ancora un’eziologia virale ben definita, il tumore cutaneo è sicuramente la forma di tumore maligno più frequente; nel 95% dei casi si tratta di non melanoma skin cancer (NMSC).
Oltre ai ben noti fattori di rischio per NMSC, anche l’infezione/riattivazione dei beta-papillomavirus (b-HPV) e polyomavirus umani (HPyV) è stata associata allo sviluppo di questi tumori nei soggetti immunodepressi. Risulta però difficile dimostrare un ruolo causativo certo di questi virus con il solo approccio epidemiologico in quanto virus ubiquitari normalmente presenti nella popolazione.

Gli obiettivi del progetto sono:

  • definire le basi molecolari del ciclo infettivo naturale di b-HPV e HPyV nei soggetti immunodepressi, per verificare se variazioni temporali nell’espressione genica virale, nella replicazione genomica o nella risposta anticorpale dell’ospite (qualitative e/o quantitative) possano essere associate con lo sviluppo di NMSC in OTR;
  • coinvolgere tutti i reparti interessati allo sviluppo clinico del paziente al fine di realizzare una banca dati comune.

MATERIALI, METODI E RISULTATI ATTESI

Vengono inclusi nello studio i pazienti provenienti dal Centro Trapianti di Rene dell’Ospedale "Maggiore della Carità" di Novara. All’interno di questa casistica vengono individuati coloro che hanno sviluppato NMSC. Le lesioni sono analizzate per la ricerca di proteine fondamentali per il tropismo del virus. Al fine di valutare l’associazione tra il b-HPV e HPyV e i NMSC.
I pazienti, inoltre, vengono caratterizzati in base a diverse variabili cliniche, che potranno rappresentare possibili fattori di rischio.

In sintesi, il progetto è indirizzato in primo luogo a sviluppare modelli sperimentali in vitro e in vivo per la caratterizzazione molecolare della storia naturale dell’infezione e riattivazione di b-HPV e HPyV nell’ospite immunodepresso al fine di stabilire definitivamente un ruolo causativo di questi virus nella conversione maligna cutanea nei soggetti trapiantati (OTR).
Successivamente, a definire l’eziologia virale dei tumori cutanei in OTR con l’obiettivo di sviluppare nuovi interventi diagnostici, prognostici e possibilmente terapeutici, grazie alla realizzazione di una futura banca dati che coinvolga tutti i reparti interessati.

Lo studio è condotto in collaborazione con: il Laboratorio di Virologia Molecolare dell'Università del Piemonte Orientale di Novara (Marisa Gariglio); la SCDU Nefrologia Trapianto Renale presso l'Azienda Ospedaliera Universitaria "Maggiore della Carità" di Novara (Piero Stratta); la SSD Epidemiologia dei Tumori del CPO Piemonte - Novara (Corrado Magnani).

STATO DI AVANZAMENTO AL 31/12/2017

Lo studio è concluso per mancanza di risorse.

RISORSE E FINANZIAMENTI

Il progetto risulta in attesa di finanziamento.

COLLABORATORI

Tiziana Cena.

PUBBLICAZIONI

Attese al termine del progetto.