Commissione Prevenzione della Rete Oncologica e Rete per la Prevenzione

Prevention Network

OBIETTIVI GENERALI E SINTESI PROGETTO

All’interno della Rete Oncologica è stata costituita nel luglio 2016 la Commissione “Prevenzione primaria/screening/terziaria” per sostenere i progetti della Rete avviati nell’ambito della prevenzione primaria, secondaria e terziaria e per promuovere la cultura della prevenzione tra gli operatori di Piemonte e Valle d’Aosta.

MATERIALI, METODI E RISULTATI ATTESI

La Commissione Prevenzione, coordinata inizialmente da Nereo Segnan (attualmente in quiescienza) e successivamente da Franco Merletti (nominato in sede di Unità Coordinamento Rete in data 02.10.2017), è composta da: Maria Piera Mano (AOU Città della Salute e della Scienza di Torino), Livia Giordano (AOU Città della Salute e della Scienza di Torino), Giuseppe Parodi (ASL Città di Torino), Andrea Pezzana (ASL Città di Torino), Elena Coffano (ASL TO3), Arabella Fontana (ASL NO), Mario Clerico (ASL BI), Cristiano Piccinelli (AOU Città della Salute e della Scienza di Torino).

Tra i principali obiettivi della Commissione vi sono:

  • miglioramento della comunicazione e la collaborazione inter-istituzionale, promuovendo sinergie tra il Servizio Sanitario Regionale (SSR) e altre strutture/istituzioni sanitarie e non sanitarie (associazioni, Comuni ecc.) al fine di sviluppare una rete organizzativa sul territorio;
  • promozione di una cultura della prevenzione come strategia condivisa, anche in funzione di un razionale utilizzo delle risorse attraverso una campagne di prevenzione mirata.

Prodotto di punta di tale campagna, presentato il 1° dicembre 2017 in conferenza stampa, è rappresentato da una scatoletta chiamata 'Prevenill', del tutto simile a quella di un qualsiasi farmaco, con il quale il  Piemonte si appresta a lanciare una grande campagna di prevenzione contro il cancro e che mira a  favorire la diffusione di attività e iniziative di prevenzione che si rifacciano alle raccomandazioni  contenute nel Codice Europeo, e quindi basate su evidenze scientifiche. All'interno della scatoletta  non vi sono farmaci ma regole che, se applicate tutte, dovrebbero portare a evitare circa il 50% dei  casi di tumore. Il foglietto illustrativo indica "antitumorale" alla categoria farmacoterapeutica e spiega che il sovradosaggio “può produrre un eccesso di vitalità, benessere e buona salute". Precisa che non c'è scadenza e raccomanda di "tenere alla portata dei bambini per insegnare loro fin da  piccoli ad avere buone abitudini".
Dalla primavera, per la diffusione dell'iniziativa, le farmacie esporranno in vetrinba confezioni di 'Prevenill' in formato maxi.

STATO DI AVANZAMENTO AL 31/12/2017

Dopo i primi incontri del 2016 di pianificazione delle attività del 2017, la Commissione ha deciso di comune accordo di impostare la disseminazione del Codice Europeo contro il Cancro, attraverso le seguenti iniziative.

  • Organizzazione di un percorso di formazione sulle raccomandazioni del Codice rivolto agli operatori che svolgono attività nel campo della prevenzione appartenenti ad associazioni di volontariato del Piemonte e Valle d’Aosta e organizzato in due seminari formativi svolti presso l'AOU Città della Salute e della Scienza di Torino l’8 aprile e il 6 maggio 2017. Il percorso si è sviluppato in due mezze giornate, nelle quali sono stati presentati in dettaglio i 12 punti del Codice Europeo contro il Cancro, da esperti coinvolti ad hoc dalla Commissione.
  • Creazione di un “Patto” tra le associazioni e gli enti del SSR per la diffusione del Codice Europeo contro il Cancro e per favorire il coinvolgimento delle associazioni di volontariato che già svolgono attività sul territorio regionale nell’ambito della prevenzione per riflettere su futuri percorsi condivisi e coordinati in questo ambito insieme agli operatori del SSR. Il 1° dicembre 2017 è nata, con la sottoscrizione di un Patto, la Rete per la Prevenzione del Piemonte e della Valle d’Aosta che sancisce l’alleanza tra enti e associazioni che già da molti anni operano nell’ambito della prevenzione del cancro.
  • Attivazione di un Gruppo di lavoro (che coinvolge una parte di operatori della Commissione e una parte di operatori delle associazioni) per individuare le strategie di “Marketing Sociale” più opportune per la campagna di diffusione del Codice Europeo contro il Cancro. Il Gruppo di lavoro attraverso il Fondo Edo Tempia ha incaricato un'agenzia di comunicazione di realizzare i materiali informativi che saranno utilizzati per la campagna a partire dal 2018.

RISORSE E FINANZIAMENTI

Il progetto Rete per la Prevenzione è auto-finanziato dai partner del Network.

COLLABORATORI

Interni al CPO: Livia Giordano, Maria Piera Mano, Cristiano Piccinelli, Nereo Segnan.

Esterni: Giuseppe Parodi (ASL Città di Torino), Andrea Pezzana (ASL Città di Torino), Elena Coffano (ASL TO3), Arabella Fontana (ASL NO), Mario Clerico (ASL BI).

- European Cancer League
- Ordine dei Farmacisti
- Federfarma Piemonte
- Unione LILT Piemonte e Valle d'Aosta
- LILT Alessandria
- LILT Asti
- LILT Biella onlus
- LILT Cuneo onlus
- LILT Torino onlus
- LILT Novara onlus
- LILT Valle d’Aosta
- LILT Vercelli
- LILT VCO
- Fondo Edo Tempia
- WALCE onlus
- VITA
- RAVI
- SAMCO
- ANVOLT
- DONNATEA
- MIMOSA
- VELA

PUBBLICAZIONI

Previste nel corso del progetto.