Linee guida regionali per l’oncologia e audit clinico-organizzativi

Regional guidelines for oncology

OBIETTIVI GENERALI E SINTESI PROGETTO

Il progetto, avviato dapprima nel 2000 a carattere sperimentale, su mandato della Commissione Oncologica Regionale (COR), è stato condotto in seguito in stretta collaborazione con la Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta.
Obiettivo principale dell'iniziativa era valutare la fattibilità e l’utilità della produzione a livello regionale di linee guida (LG) clinico-organizzative, realizzate con metodo evidence-based e adattate al contesto organizzativo della Rete Oncologica, finalizzate a migliorare l'appropriatezza dell'assistenza per i principali tumori.
Il progetto prevedeva, in aggiunta all'elaborazione delle LG, una strategia di diffusione dei documenti, delle indicazioni per una loro implementazione locale e il monitoraggio centrale di indicatori sul loro impatto in termini di processo, esito e costi, attraverso l'uso sia di dati amministrativi sia di studi mirati.

MATERIALI, METODI E RISULTATI ATTESI

I principali aspetti metodologici seguiti nelle diverse fasi del progetto sono stati:

  • l'attenzione alla costituzione di gruppi di lavoro allargati che includevano tutte le principali competenze e i punti di vista coinvolti dalla specifica LG;
  • la definizione di requisiti comuni di tipo formale, di contenuto e del metodo di produzione delle LG;
  • la ricerca e la valutazione critica delle principali LG e le revisioni sistematiche disponibili sui quesiti affrontati nelle LG regionali;
  • l'adattamento locale delle raccomandazioni di altre LG e l'elaborazione di raccomandazioni originali per aspetti trascurati o non aggiornati in altre LG;
  • la ricerca di un largo consenso nel gruppo di lavoro e la raccolta e valutazione di commenti alla bozza della LG da parte della COR e di altri revisori esterni;
  • la predisposizione di un piano di diffusione, di implementazione e di valutazione della LG.

In collaborazione con la Rete Oncologica sono state condotte diverse valutazioni di impatto delle linee guida attraverso l'uso dei dati sanitari correnti e studi mirati di clinical audit per la valutazione dell’appropriatezza assistenziale su specifici quesiti.

STATO DI AVANZAMENTO AL 31/12/2017

Sono state prodotte linee-guida a livello regionale per il tumore del colon-retto, della mammella, del polmone, dei sarcomi dei tessuti molli e della prostata e sull'uso dei bifosfonati nei pazienti oncologici.

Nel corso del 2016-17 sono stati realizzati diversi corsi di formazione circa la conduzione dei clinical audit, rivolti agli operatori della Rete Oncologica, in previsione di una successiva attività di monitoraggio.

Al momento non è prevista l'elaborazione di nuove LG regionali, né l'aggiornamento di quelle già pubblicate.

Il responsabile del progetto è componente di due commissioni della Rete Oncologica che valutano e danno indicazioni sulla produzione di documenti clinici relativi a problemi assistenziali complessi (coordinatore: Filippo Montemurro) e all'uso della diagnostica di laboratorio come guida alle decisioni terapeutiche (coordinatore: Mario Clerico).

RISORSE E FINANZIAMENTI

L’attività rientra nelle funzioni istituzionali del CPO.

COLLABORATORI

Claudia Galassi, Eva Pagano, Daniela Di Cuonzo, Laura Crosetto, Marco Gilardetti, Anna Castiglione, Marisa Fiordalise.

PUBBLICAZIONI

- Sobrero S, Pagano E, Piovano E, et al. Is Ovarian Cancer Being Managed According to Clinical Guidelines? Evidence From a Population-Based Clinical Audit. Int J Gynecol Cancer 2016; 26: 1615-1623. (IF 2.116)
- Sacerdote C, Bordon R, Pitarella S, et al. Compliance with clinical practice guidelines for breast cancer treatment: a population-based study of quality-of-care indicators in Italy. BMC Health Serv Res 2013; 13: 28.