Studio multicentrico italiano sui linfomi non Hodgkin

Multicentre case control study on non HD Lymphoma in Italy

OBIETTIVI GENERALI E SINTESI PROGETTO

Obiettivo principale del progetto è l'analisi dei fattori di rischio esterni per il linfoma e dell'interazione con caratteristiche genetiche. Lo studio concorre a progetti internazionali nell'ambito del Genoma wide association study (GWAS).

Si tratta di uno studio epidemiologico caso-controllo ospedaliero, con casi affetti dai linfomi identificati precedentemente e reclutati in ambito ospedaliero e con un campione di controlli scelti tra i ricoverati per altre patologie. Casi e controlli sono appaiati per età, sesso e per area geografica di residenza.

Lo studio è condotto presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria "Maggiore della Carità" di Novara.

Il reclutamento si è svolto dal 01.01.2012 al 30.06.2013 con riferimento alla data di incidenza dei casi.

MATERIALI, METODI E RISULTATI ATTESI

Nello studio sono considerati come casi i soggetti residenti nelle aree di interesse, con diagnosi di linfoma non Hodgkin, mieloma multiplo, leucemia linfatica cronica, secondo le indicazioni dello studio collaborativo incidenti nel periodo d’indagine.

Tali soggetti sono reclutati attraverso il contatto periodico (settimanale) con i medici dei servizi di Ematologia e dei reparti di ricovero delle Aziende Ospedaliere presso le quali si svolge lo studio.
La rilevazione settimanale viene effettuata dall’intervistatore/intervistatrice o da altro operatore incaricato.

I soggetti considerati come controlli sono persone del tutto simili ai casi, ma senza la presenza della malattia dei casi o una malattia ad essa correlata.

I controlli vengono scelti in modo da costituire un campione rappresentativo della popolazione da cui sono originati i casi. Quando, per ragioni di fattibilità, la scelta del disegno dello studio epidemiologico ricade sui controlli ospedalieri è necessario effettuare alcune selezioni per escludere i soggetti ricoverati a causa di malattie che sono associate ai fattori di rischio in studio.

Lo studio prevede l’effettuazione di analisi genetiche relative a:

  • ricerca di polimorfismi noti che potrebbero aumentare il rischio di sviluppare un linfoma o un mieloma, in associazione con esposizione a singole sostanze chimiche;
  • ricerca di polimorfismi non ancora noti, ma che potrebbero essere suggeriti da altre indagini e che potrebbero influenzare il rischio di sviluppare un linfoma o un mieloma in associazione con esposizione;
  • GWAS, metodica che esplora l’intero genoma per riconoscere polimorfismi non ancora noti associati con il rischio di sviluppare un linfoma o un mieloma.

STATO DI AVANZAMENTO AL 31/12/2017

Sono stati inclusi (intervista e prelievo ematico) 100 casi e 100 controlli reclutati nell'area di Novara. Sono in corso le analisi dei dati e le analisi di laboratorio.

RISORSE E FINANZIAMENTI

Finanziamento MIUR (Programma Prin) e AIRC.

COLLABORATORI

Marina Padoan.

PUBBLICAZIONI

- Sanna S, Satta G, Padoan M, et al. Activation of the aryl hydrocarbon receptor and risk of lymphoma subtypes. Int J Mol Epidemiol Genet 2017; 8: 40-44.
- Sampson JN, Wheeler WA, Yeager M, et al. Analysis of Heritability and Shared Heritability Based on Genome-Wide Association Studies for Thirteen Cancer Types. J Natl Cancer Inst 2015; 107. (IF 12.583)