MOBI-Kids: rischio di tumore cerebrale da esposizione alle radiofrequenze durante l’infanzia e l’adolescenza. Uno studio multicentrico internazionale

MOBI-Kids: brain cancer risk from exposure to radiofrequency fields in childhood and adolescence. A multicentric international study

OBIETTIVI GENERALI E SINTESI PROGETTO

Obiettivo generale del progetto è valutare l’effetto cancerogeno dell’esposizione a radiofrequenze (RF) da telefoni cellulari e altre sorgenti sul sistema nervoso centrale dei giovani di età compresa tra 10 e 24 anni.

Sono previsti alcuni obiettivi operativi:

  • condurre uno studio epidemiologico caso-controllo multicentrico in quattro regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Toscana);
  • partecipare a uno studio internazionale, coordinato da The Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal, Barcellona, Spagna), condotto oltre che in Italia in Austria, Francia, Germania, Grecia, Olanda, Spagna, Israele, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Corea, Giappone e India;
  • sviluppare e validare indici di esposizione a campi elettromagnetici;
  • raccogliere e stoccare campioni biologici per analisi sulla suscettibilità genetica al tumore cerebrale.

MATERIALI, METODI E RISULTATI ATTESI

Lo studio prevede la rilevazione dei casi di tumore cerebrale in una fascia di età compresa tra 10 e 24 anni in tutti i reparti ospedalieri rilevanti e il reperimento di due controlli per ciascun caso, selezionati tra soggetti operati per sospetta appendicite, appaiati individualmente a ciascun caso per età, sesso e area di residenza.
Tramite questionario si raccolgono informazioni su variabili demografiche, storia dettagliata di utilizzo del telefono cellulare (telefonate, messaggistica e traffico dati) e di altri dispositivi wireless e sull’esposizione ad altre importanti fonti di ELF o RF nell’ambiente. E’ inoltre prevista una sezione dettagliata sulla storia occupazionale e residenziale dei soggetti e domande su altri potenziali confondenti o fattori di rischio. L’informazione sulle modalità e quantità di utilizzo del cellulare sarà validata con dati oggettivi ottenuti dai gestori delle utenze di telefonia. Le esposizioni ambientali di tipo residenziale saranno valutate grazie alla georeferenziazione degli indirizzi.

STATO DI AVANZAMENTO AL 31/12/2017

Il reclutamento nello studio si è concluso a giugno 2016. In Italia sono stati identificati 265 casi e 524 controlli. Sono stati intervistati 159 casi, 23 hanno rifiutato di partecipare, 3 sono risultati irrintracciabili, mentre 80 casi sono stati esclusi per adesione al protocollo internazionale dello studio. Relativamente ai controlli, ne sono stati intervistati 341. Centotrentanove controlli hanno rifiutato di partecipare allo studio, mentre 44 sono risultati irrintracciabili.
Tutte le diagnosi sono state verificate e classificate utilizzando l’ICD-O-3. Le immagini radiologiche di 236 casi (89.1% del totale degli intervistati) sono state analizzate da un neuroradiologo il quale, utilizzando modelli tridimensionali del cervello, ha mappato la localizzazione della lesione, cercando di identificarne il punto di origine e i contorni.
Sono stati raccolti 357 campioni di saliva, relativi a 132 casi (8.30% del totale dei casi intervistati) e 225 controlli (66.0% del totale dei controlli intervistati) dello studio.
E’ stata inoltre effettuata la raccolta dei dati sull’uso del cellulare presso gli operatori di telefonia mobile.
Le analisi dei dati per la valutazione degli effetti cancerogeni delle radiofrequenze e delle altre esposizioni sono al momento in corso e coordinate da ISGlobal.

RISORSE E FINANZIAMENTI

Unione Europea, VII Programma Quadro (FP7/2007-2013, grant agreement nr. 226873).
Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, Ricerca Finalizzata 2009.

COLLABORATORI

Franco Merletti, Enrica Migliore, Laura Davico.

PUBBLICAZIONI

www.mbkds.com

- Sato Y, Kojimahara N, Kiyohara K, Endo M, Yamaguchi N. Appendicitis study group of Mobi-kids Japan. Association between climatic elements and acute appendicitis in Japan. J Surg Res 2017; 211: 64-69.
- Calderón C, Ichikawa H, Taki M, et al. ELF exposure from mobile and cordless phones for the epidemiological MOBI-Kids study. Environ Int 2017; 101: 59-69.
- Langer CE, de Llobet P, Dalmau A, et al. Patterns of cellular phone use among young people in 12 countries: Implications for RF exposure. Environ Int 2017; 107: 65-74.
- Sadetzki S, Langer CE, Bruchim R, et al. The MOBI-Kids Study Protocol: Challenges in Assessing Childhood and Adolescent Exposure to Electromagnetic Fields from Wireless Telecommunication Technologies and Possible Association with Brain Tumor Risk. Front Public Health 2014; 2: 124.
- Calderón C, Addison D, Mee T, et al. Assessment of extremely low frequency magnetic field exposure from GSM mobile phones. Bioelectromagnetics 2014; 35: 210-21.